Doppia novità in casa Mozilla, come potete evincere dal titolo.

Novità che portano Firefox, il browser di Mozilla, a cambiare molte carte in tavola, a cominciare dal target della sua utenza.

Addio a Windows XP

Dalla versione 12 in avanti, il browser non supporterà più i computer dotati di sistema operativo antecedente a Windows Vista. Quindi tutti gli utenti di Windows 2000 e XP non potranno più avvalersi del browser Mozilla Firefox.

Considerata l’avanzata di Chrome, la mossa non sembra molto intelligente; in ogni caso, staremo a vedere su cosa si orienterà la Mozilla Foundation per rimpiazzare tali sistemi.

Compatibilità con il codec video H.264

Meglio partire dall’inizio, per far capire come mai questa notizia è così importante.

Circa 2 anni fa, Google creò WebM, codec open source basato su VP8 per la parte video e OGG Vorbis per quella audio, proclamandolo come nuovo standard per i video online. Il progetto fu abbracciato da molte aziende, quali Adobe, Nvidia, Ati e, per l’appunto, Mozilla.

Le premesse erano ottime, ma, nonostante le promesse di diverse società (Google stessa aveva annunciato di voler rimuovere la compatibilità con H.264 dal browser Chrome, anche se non l’ha mai fatto), H.264 ha continuato a diffondersi, mentre WebM è rimasto ai margini.

Mozilla, nonostante preferisse WebM perché maggiormente allineato alla sua filosofia essendo open source, alla fine ha dovuto arrendersi ed abbracciare H.264, ormai supportato anche dai moderni dispositivi mobile, proprio per non perdere terreno in tale campo.

Firefox - H.264

Probabilmente sarebbe servito un atto di forza da una realtà più influente di Mozilla, magari dalla stessa Google, cosa che non è arrivata, facendo di fatto fallire il progetto open source di WebM, lasciando come standard di fatto il codec H.264.

Così come tutte le sfide, anche questa ha avuto termine con la vittoria di H.264 a discapito di WebM, così come è testimoniato anche da quest’ultima, in ordine di tempo, scelta di Mozilla (basti pensare che, prima di Mozilla, è stato scelto anche da quasi tutti i sistemi operativi, dai dispositivi mobile e perfino dai pirati informatici, che lo usano per comprimere le release dei loro video e serie televisive).

Conclusioni

La doppia scelta di Mozilla, se da un lato sembra controproducente perché potrebbe farle perdere molti utenti che ancora usano Windows XP, dall’altra sembra orientata ad un’apertura verso un nuovo tipo d’utenza, quella mobile (vedasi in questo senso il supporto ad H.264).

Staremo a vedere se queste due scelte premieranno il browser della coda rossa.

Collegamenti utili