Google ha finalmente introdotto l’opzione Do Not Track nel suo browser, anche se attualmente disponibile solo nella versione beta. Chrome era infatti rimasto l’unico browser a non supportare ancora questo meccanismo che consente di tutelare la privacy degli utenti durante la navigazione sul web.

Cos’è il Do Not Track?

Do Not Track è una funzionalità ormai già presente su Firefox, Internet Explorer, Opera e Safari e consente di negare la possibilità di tracciare e quindi raccogliere informazioni riguardo l’utente che visita le pagine di un sito web da parte del server. Praticamente tramite l’invio di un header viene comunicata ad ogni richiesta inviata questa volontà dell’utente di non essere tracciato e quindi preservare la propria privacy, un meccanismo che viene rispettato solo se dal lato server è supportata tale funzionalità.

Attualmente il Do Not Track risulta abilitato di default su Internet Explorer, mentre su Mozilla Firefox è dato all’utente la scelta di abilitarlo o meno. Per quanto riguarda Google Chrome, invece, era rimasta l’unica a non supportare tale funzionalità anche perché, facendo Google grande uso di tali dati per il suo ramo pubblicitario, andava contro i propri interessi.

Quando sarà presente ufficialmente?

Il Do Not Track sarà probabilmente presente anche nella versione stabile di Google Chrome entro la fine dell’anno.

Collegamenti utili