Durante il mese di Ottobre dell’anno scorso, la Thailandia è stata colpita da inondazioni torrenziali che hanno causato la morte di centinaia di persone, hanno costretto milioni di persone ad allontanarsi dalle proprie case ed hanno avuto un forte impatto su migliaia di aziende. Tra queste aziende vi sono infatti due dei marchi leader del settore degli hard disk, Western Digital e Seagate, ed è infatti in Thailandia che vengono prodotti quasi tutti i dischi fissi del mondo.

Questa tremenda tragedia, oltre al dramma umano, ha causato, come avrete potuto notare in questi ultimi tempi, l’aumento del prezzo degli hard disk e, stando a quanto affermato da Western Digital, il ritorno alla normalità si avrà soltanto nel 2013.

Alluvione in Thailandia – Zona industriale di Bangkok

La notizia arriva da HotHardware che ha ripostato in un suo articolo la dichiarazione di Wester Digital in risposta ai molti clienti che si sono lamentati dei prezzi ancora molto elevati dei dischi rigidi, infatti prima delle alluvioni i prezzi degli hard disk erano all’incirca la metà di quelli attuali.

L’aumento dei prezzi è giustificato dai costi che hanno dovuto sostenere le aziende per poter riparare i danni e potenziare le linee produttive che sono sopravvissute indenne al disastro. Anche se i prezzi stanno gradualmente diminuendo, purtroppo la situazione non tornerà alla normalità in tempi brevi. Infatti Western Digital ha affermato che solo nel 2013 si può ipotizzare un rientro di tutti i costi sostenuti per ristabilire la situazione.

Purtroppo non possiamo sapere se questi lunghi tempi di ripresa siano reali oppure risultano essere un ottimo pretesto per avere maggiori entrate. Non ci resta che sperare nella buona fede dell’azienda e subire ancora per altri mesi i prezzi rincarati degli hard disk.

Collegamenti utili