AMD e ARM, insieme ad altre aziende produttrici di microchip, hanno creato la HSA Foundation con lo scopo di creare il processore ibrido del futuro, con una nuova architettura compatibile con le attuali tecnologie ed in grado di funzionare con ogni sistema operativo e su ogni tipo di dispositivo.

Sembrava che sarebbe passato molto tempo prima di ottenere sviluppi significativi ed invece probabilmente la prima realtà sarà prodotta già entro il prossimo anno grazie alla collaborazione tra AMD e ARM.

Una CPU ibrida

AMD inserirà un core Cortex con architettura ARM all’interno di una CPU x86 con lo scopo di gestire la tecnologia TrustZone, che viene utilizzata sugli smartphone di ultima generazione.

La nuova CPU dovrebbe arrivare sul mercato durante il 2013.

HSA Foundation

Per la precisione, sarà integrato un Cortex A5 insieme ad un core x86; il Cortex di ARM sarà delegato alla gestione della sicurezza; la scelta effettuata permetterà di ottenere un notevole risparmio nella produzione delle nuove CPU, dato che invece di creare un nuovo core per la sicurezza sarà utilizzato il Cortex di ARM, che dispone già della tecnologia TrustZone per la sicurezza.

In ogni caso, questo è indubbiamente un primo passo concreto verso la definizione di processore ibrido a cui punta la HSA Foundation.

Ovviamente bisognerà fare altri passi, ma il sentiero è tracciato. E probabilmente non ci vorrà nemmeno molto tempo per raggiungere lo scopo, ossia avere una CPU in grado di gestire ogni sistema operativo ed ogni dispositivo senza problemi di compatibilità.

Collegamenti utili