Unreal Engine 4 è la nuova piattaforma software sviluppata da Epic Games su cui si baserà la prossima generazione di videogiochi.

Durante l’E3 tenutosi a Los Angeles, è stata presentata questa nuova tecnologia ed è ora finalmente disponibile pubblicamente un primo video di 154 secondi in cui vengono mostrati tutti gli effetti grafici che per anni sono stati l’incubo degli sviluppatori: lens flare, bokeh distortion, flussi di lava, distruzione ambientale, fuoco, … un video così realistico da togliere il fiato.

Nuove funzionalità

Questa nuova tecnologia, per il momento limitata solo ai PC non essendoci ancora annunci ufficiali riguardo al supporto per console, è stata sviluppata in modo tale da ridurre i costi di produzione ed aumentare la creatività degli artisti, grazie alla presenza di diverse novità:

  • nuove funzioni per la gestione delle illuminazioni che risulta completamente dinamica;
  • un nuovo Unreal Kismet, che permetterà a designer ed artisti di effettuare le proprie creazioni senza la necessità del programmatore;
  • nuove funzioni che garantiranno una grafica di alto livello anche in PC con basse specifiche, rendendola quindi scalabile;
  • lo strumento Hot Reload, che permetterà di effettuare update direttamente in-game senza dover mettere in pausa il gameplay;
  • lo strumento Istant Game Preview, che consentirà di far comparire un giocatore nella partita e di giocare in qualsiasi punto senza la necessità di effettuare salvataggi;

A cui si aggiungono ulteriori funzionalità molto utili per gli sviluppatori come ad esempio la possibilità di individuare e modificare al volo segmenti di codice C++, guardando il risultato di tali cambiamenti immediatamente sul gioco; oppure navigare rapidamente dalle funzioni C++ al codice sorgente in Visual Studio tramite il Code View; e nuovi strumenti di debugging come il Live Kismet Debugging ed il Simulate Mode.

Inoltre grazie ad Unreal Engine 4 sarà possibile gestire in modo migliore anche gli effetti particellari, gestendo senza problemi anche milioni di particelle ottenendo ottimi risultati come mostrato nel video e in alcune delle immagini seguenti.

Immagini

Collegamenti utili