Intel, azienda leader nel settore dei microprocessori, sta già facendo ricerca per il futuro. Paul Otellini, amministratore delegato della società, ha infatti confermato che l’azienda è già al lavoro per sviluppare i processi produttivi a 7 e 5 nanometri.

Per rendere l’idea, ecco un esempio: i nostri cromosomi misurano all’incirca 100 nanometri, i batteri misurano circa 20 nanometri, il diametro dell’elica del DNA misura 2 nanometri, un legame covalente tra 2 atomi misura mezzo nanometro. Insomma, sono dimensioni microscopiche e praticamente invisibili ad occhio nudo.

Attualmente i processori vengono fatti con un processo produttivo a 22 nanometri; parliamo degli ultimi Ivy Bridge di Intel.

I prossimi sviluppi

L’anno prossimo probabilmente si passerà ai 14 nanometri, tecnologia che è attualmente in sviluppo. Infatti Pat Bliemer, Managing Director di Intel Northern Europe, aveva dichiarato non molto tempo fa che i processori a 14 nm erano in via di sviluppo e ne erano stati creati già diversi prototipi funzionanti in laboratorio.

Sviluppo dei nuovi processi produttivi di Intel

Come si vede dalla tabella di marcia di Intel, si passerà dopo il 2015 (presumibilmente non prima del 2017) ai processi produttivi a 7 e poi a 5 nm. Si dovrà attendere ancora qualche anno, quindi, cosa che era prevedibile data la complessità delle operazioni di miniaturizzazione, sia dal punto di vista tecnico che finanziario. Infatti, tra ricerche e messa a punto dei processi occorrono molte risorse che non tutte le aziende possono permettersi.

Intel, da leader del settore, è l’azienda che riesce ad avanzare più rapidamente, anche per via dei miglioramenti ai propri impianti.

Nuovi impianti Intel - 22nm e 14nm

La miniaturizzazione è sempre un’esigenza primaria, dato che se i transistor sono più piccoli possono esserne inseriti un numero superiore nello stesso spazio, incrementando di gran lunga le prestazioni dei processori.

Dovremo attendere ancora qualche anno per raggiungere i livelli di miniaturizzazione di 7 e 5 nm. Ma la tecnologia non si ferma mai.

Collegamenti utili