Nvidia l’aveva detto a suo tempo che i tablet con Android costavano troppo per riuscire a ritagliarsi una consistente fetta del mercato. E quindi ci ha pensato lei stessa.

Il numero uno di Nvidia, Jen-Hsun Huang, all’assemblea annuale degli azionisti ha rivelato che l’azienda è al lavoro sul progetto Kai.

Cosa è Kai?

Il progetto prevede, per dirla in breve, la diffusione su vasta scala del SoC quad-core Tegra 3, attualmente il sistema dei tablet di punta prodotti da moltissime aziende.

In pratica, si tratta di fornire un nuovo hardware, nonché supporto pratico, ai produttori ad un costo minore rispetto a quello attuale, così da poter ridimensionare i costi dei tablet prodotti.

Come spiegato da Csongor, l’azienda sta usando particolari tecniche sviluppate internamente per far sì che i costi di produzione ed i costi dei materiali siano inferiori agli standard attuali.

Non sono stati rivelati altri dettagli, quindi bisogna attendere il prossimo Computex per capire se il progetto è già in piedi oppure è ancora in via di sviluppo.

Lo scopo

Il successo del Kindle Fire di Amazon ha dato un’importante lezione a tutti i produttori: per battere o rivaleggiare con l’iPad di Apple non occorre puntare su tablet con le stesse prestazioni e, quindi, gli stessi costi. Per battere Apple, occorre puntare su prodotti a prezzi concorrenziali, ma con un hardware ovviamente sufficientemente potente da poter utilizzare tutto il panorama di applicazioni e servizi internet presenti al momento.

Lo scopo, infatti, è proprio quello di creare un tablet allo stesso prezzo del Kindle Fire, ma con hardware decisamente più potente.

La ricetta è pronta; Nvidia sembra voler raccogliere la sfida. Vedremo dei tablet Tegra 3 nei prossimi mesi a 200 euro?

Collegamenti utili