Qualche anno fa Microsoft aveva creato il motore di ricerca Bing nel tentativo di contrastare il monopolio Google. Dopo questo periodo di tempo, il risultato ottenuto è sotto gli occhi di tutti; l’unico luogo dove il motore di ricerca riesce ad essere presente ed utilizzato è all’interno di Facebook, grazie ad un accordo che le due società hanno stretto tempo addietro.

Stando ad alcune analisi, Microsoft ogni anno perde 2,5 miliardi di dollari a causa di Bing, che si sta rivelando sempre più una scommessa fallita. Inoltre, considerando il fatto che l’idea di un motore di ricerca esce fuori dal target dell’azienda, ecco che le speculazioni prendono forma.

Ed infatti, secondo Business Insider, le trattative per la cessione di Bing sarebbero già in atto, con Facebook in pole position tra gli acquirenti.

Grazie alla vendita, Microsoft potrebbe monetizzare un prodotto che nelle sue mani non riesce ad ottenere visibilità; d’altro canto, Bing tra le mani di Facebook potrebbe finalmente ricevere quella spinta necessaria per diventare qualcosa di più di quello che è attualmente, dato che il popolare social network ha un target maggiormente rivolto al web ed a internet, cosa che potrebbe giovare nei progetti futuri riguardanti Bing.

Bing e Facebook contro Google

Facebook nell’ultimo periodo ha perfezionato diverse acquisizioni che hanno dimostrato come Mark Zuckerberg voglia allargare il raggio d’azione dell’azienda; quindi l’acquisto di Bing, inquadrato anche nello scontro a distanza con Google, potrebbe essere visto in tal senso come un’operazione molto positiva.

Collegamenti utili