L’ultimissima console della famosa azienda giapponese è continuamente presa di mira dagli attacchi degli hacker, che tentano con sempre più insistenza di “bucarla”.

E, purtroppo per Sony, sembrano essere sulla buona strada; l’azienda nipponica sta incontrando parecchie difficoltà nell’arginare e ostacolare i continui attacchi, mirati a penetrare all’interno del firmware della console.

Le ultime novità

Pochi giorni fa, la Sony è stata costretta a rimuovere alcuni titoli PSP dal PlayStation Network in quanto contenevano vulnerabilità che avevano permesso di entrare all’interno del firmware della console.

I giochi in questione, tra i quali vi erano MotorStorm Arctic Edge e Hot Shots Tennis, sono stati patchati e quindi rimessi sul PSN.

Intanto la Sony ha rilasciato anche un nuovo firmware, la versione 1.67, che avrebbe dovuto aumentare le difese della PS Vita.

Avrebbe dovuto…

Sì, avrebbe dovuto. Infatti, almeno stando alle ultime notizie dal mondo hacking, non sembra funzionare granché bene. Circolano già alcuni video su YouTube in cui una PS Vita equipaggiata con l’ultima versione del firmware viene utilizzata per eseguire Doom in versione PC.

Ed inoltre, come se non bastasse, secondo la community di sviluppatori di homebrew, esistono diversi altri giochi “deboli” che possono essere sfruttati come cavallo di Troia per bucare il sistema ed accedere all’interno della console.

Lo sviluppo è ancora all’inizio, sia da una parte, sia dall’altra. Vedremo quali saranno le prossime mosse.