Quanti di noi, quasi inaspettatamente, seppur curandolo in modo maniacale, si ritrovano a mettere il telefono in tasca e, una volta tirato fuori, lo ritrovano con qualche graffio che prima non c’era? È una situazione snervante che ci fa letteralmente impazzire.

Ma, tra poco, questo non sarà più un problema ed i piccoli graffi saranno solo un brutto ricordo.

La Toray Advanced Film ha ideato una pellicola in grado di auto-riparare i piccoli graffi in meno di 10 secondi e sarà possibile applicarla anche sui display touchscreen di tablet e smartphone, oltre che sugli chassis.

La domanda che ci verrà spontanea, leggendo questa news, è: “come può una semplice pellicola riparare dei graffi? Rimane sempre una pellicola!”. In effetti è proprio così, ma ha un’elevata viscosità ed elasticità che, insieme a caratteristiche di ammortizzazione, permette di ripararsi da sola.

La casa produttrice, ovviamente, non ha voluto svelare precisamente com’è fatta per evitare di favorire i concorrenti. Le uniche notizie che abbiamo riguardano lo spessore che è inferiore o uguale ai 125 μm anche se, quest’ultimo, può essere modificato a discrezione dell’utente.

Secondo il produttore, la pellicola è in grado di riparare i piccoli graffi in meno di 10 secondi a temperatura ambiente. Toray ha anche affermato di aver testato questa peculiarità per ventimila volte al giorno senza avere alcun problema.

Il problema nell’applicazione di questa pellicola è proprio la parte fondamentale. Infatti, non sarà possibile applicarla da soli e sarà necessario richiedere un servizio che, si suppone, costi anche parecchio. Ovviamente la “Self-cure Coat Film”, il nome della pellicola, rimane una novità e forse molti ci faranno un pensierino.