Sony si appresta a presentare il nuovo Vaio VCC111. Tutto sembra essere, tranne che un portatile che supporterà Windows. Perché? Non è presente il tasto start e anche per il riferimento, nel manuale delle istruzioni, viene definito come “start Chrome OS”.

 

 

 

Caratteristiche

  • Display da 11,6 pollici
  • Dimensioni: 22 x 30,8 cm
  • Connettività: HDMI, due connettori USB, prese jack per microfono e cuffie, vano per le schede SD
  • Batteria: Modello a polimeri di litio da 4100 mAh

Chromebook

Delle caratteristiche da confermare, c’è una memoria da 2 GB e un’unità SSD da 16 GB. L’elemento, però, di maggior interesse sembra proprio riguardare l’ultimo pezzo, di cui ancora non abbiamo parlato, il processore. Sembra si tratti di un modello ARM, in particolare del Tegra T25 di Nvidia, in pratica si tratta di un SoC dual-core da 1,2 GHz ARM Cortex A9. La differenza tra gli altri due Chromebook in commercio, prodotti da Acer e Samsung, riguarda proprio questo punto. Infatti, questi ultimi supportano un processore Atom di Intel.

Processore ARM

Questa categoria di prodotti, non da tutti conosciuta, non ha riscontrato molto successo dopo che sono stati introdotti l’anno scorso da Google. In pratica, da ciò si deduce che la proposta effettuata da Samsung e Acer si è rivelata un vero e proprio insuccesso. L’idea di portare la tecnologia cloud è una scelta d’avanguardia ma alquanto difficile, per ora, da attuare e da convincere gli utenti a desistere dai loro notebook con applicazioni e spazio presenti localmente.

Probabilmente l’idea di portare questo nuovo tipo di processore (ARM, ndr) sui notebook con Chrome OS porterà sicuramente un vantaggio in prestazioni oltre a consumi ridotti. Sarà questo il passo che renderà interessante questa nuova categoria?